Reykjavik Boulevard went to Pesaro (Italy) to enjoy the Rhythmic Gymnastics World Cup 2013.

We met the italian national team and chatted with them for a while before they were given their golden medals.

Check our PHOTO GALLERY!

64

We followed the whole event and we bet everything on the Italian National team made up by Camilla BINI, Chiara IANNI, Camilla PATRIARCA, Valeria SCHIAVI, Andreea STEFANESCU and the captain Marta PAGNINI. We were right: the “Butterflies” (as these athletes are called) dominated the whole competition by winning all the trials and taking home the final title in a blaze of tricolor flags and shouts of encouragement of the large audience at the Adriatic Arena, a sports arena nicknamed “The Spaceship”.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

The girls they really took off everyone’s emotions on the tune of “five hearts that beat as one”, filling audience’s eyes and souls with grace, elegance, power, flexibility, joy, strength of will, unity, professionalism, concentration, tension, adrenaline, timing, rhythm, aesthetics, color, sensuality and life. For the first time since the formation of the new post-Olympic team.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

What more could we ask a group of such superb athletes so devoted to their passion to “sacrifice” a large part of their time in search of “perfection”, of “sync” and of aesthetic sense in carrying out technical movements? We can start trying to figure out how they decided to play a sport like this, considered a “minority sport” in Italy despite the huge amount of international victories in recent history.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

A sport that takes elements from an art – the dance – comparing them with different abilities in the use of tools such as clubs, ball, hoop and ribbon in a riot of colorful leotards and personal care in every detail, from make up to nail art.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

Rhythmic gymnastics is a sport that can teach you a lot, it is a sport of values ​​and emotions, sensitivity and redemption, romance and passion. We try to spread it better understanding what it is in this interview to the “Butterflies”:

Congratulations on your victory! We immediately see that behind a performance like this there are years of training: what was your approach to the Rhythmic Gymnastics and what is the best age to do it?

Rhythmic gymnastics is a sport that you start when you’re very young. The right age to start is about five years old, you can begin to compete by eight years. You begin with gymnastics in the sport clubs – so everyone starts in their home town – and you train in a way much more intense compared to other sports: even little girls train for four hours a day – an undertaking which ranges from club to club – and then gradually by increasing the level their lives change, they move away from home, and working rhythms become more intense.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

When you level up and become part of the National Team, how much do you work to compete with the best?

We train every day, almost nine hours, the girls who are still at school attend private school in the evening, those who attend the university cannot take courses and must therefore do everything by themselves, giving exams without attending classes. We work for nine months in a Federal Permanent Center in Desio (close to Milan), while in the summer months we move to Follonica, on the seaside in Tuscany. We come all from different parts of Italy, but we live together almost eleven months a year training.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

Being part of the National Team also means to enlist in the Armed Forces?

At the moment, in this new group we are only two to be part of the Air Force (Aeronautica Militare) because we attended the Olympic Games in London and we enlisted in the Armed Forces. I think soon also our colleagues will join.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

After this triumphant step in your country, what are the next important events of Rhythmic Gymnastics where we can see you compete again?

After this World Cup in a couple of weeks there will be another World Cup in Minsk (Belarus), while the most important competition in 2013 is the World Cup in Kiev (Ukraine) that will be held in late August. Let’s say that from here until the 2016 Olympics in Rio every year there will be a World Championship which will be used as a qualifier for the Olympics.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

How do you rate your performance of these days, how do you feel thinking of the World Cup?

We will work a lot for the World Cup in Kiev. Even though today there have been few little mistakes and inaccuracies we believe that in these months of hard work – morning and afternoon, every day – we will improve up to “perfection”. We will be able to reach the maximum by the end of August. Although this competition was “at home” it was also our first official trial together, so we could feel this responsibility on our shoulders. There was so much adrenaline and as always the public has been able to give us the right energy to deal with the platform: this helps us very much and we hope that even outside of Italy there will always be so much enthusiasm from part of the audience that can spur us to give our best. Surely there are also people who don’t like us, but those who love us are so many, luckily. All this gives us even more strength.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

Despite your successes Rhythmic Gymnastics in Italy is still considered as a “minor sport”: paradoxical situation that also affects sports such as Artistic Gymnastics and Fencing. How does this issue affects on you?

This year the CONI (national olympic committee) cut 25% of funds to the Federations, so the Federation has cut therefore 25% to the various sections. The Italian Rhythmic Gymnastics despite being 3 times World Champion, winning over 100 medals at World and European level, an Olympic bronze medal at the 2012 London Olympics… It cannot join to more than two World Cup per year for lack of funds. It is not enough as our rivals from other nations go around all year to compete and improve. We can do only two competitions and that’s a shame: there have already been three World Cups since the beginning of the year and we could not participate.

We’re going around just doing performances while, being a new team, we need to experience at international level. Unfortunately we cannot challenge and this does not help us. The group is however very involved and we are sure that we will succeed.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

INTERVISTA ALLA NAZIONALE ITALIANA DI GINNASTICA RITMICA

Reykjavik Boulevard è alla costante ricerca di bellezza e talento da esportare nel mondo. Non sappiamo se saranno queste doti che “lo salveranno”, ma viverne a stretto contatto è il nostro obiettivo. Stavolta per farlo siamo andati a Pesaro (Italia), in occasione della World Cup 2013 di Ginnastica Ritmica. Guarda la nostra PHOTO GALLERY dell’evento!

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

Abbiamo seguito l’intera manifestazione e abbiamo puntato tutto sulla Nazionale Italiana formata da Camilla BINI, Chiara IANNI,Camilla PATRIARCA, Valeria SCHIAVI, Andreea STEFANESCU e dalla capitana Marta PAGNINI. Abbiamo fatto bene: le “Farfalle” (così vengono chiamate queste atlete provenienti da ogni angolo del Paese) hanno dominato l’intera competizione vincendo tutte le prove e portando a casa il titolo finale in un tripudio di bandiere tricolore e urla di incitamento del folto pubblico presente all’Adriatic Arena, un palazzetto dello sport soprannominato “L’Astronave”… E le ragazze hanno davvero fatto decollare le emozioni di tutti al ritmo di “cinque cuori che battono all’unisono”, riempiendo gli occhi e le anime degli spettatori con grazia, eleganza, potenza, flessibilità, gioia, forza di volontà, unione, professionalità, concentrazione, tensione, adrenalina, tempismo, ritmo, estetica, colore, sensualità e vita. Per la prima volta dalla formazione del nuovo team post olimpico.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

Cosa si può chiedere di più ad un gruppo di superbe atlete così devote alla loro passione da “sacrificare” gran parte del proprio tempo alla ricerca della “perfezione”, del “sincronismo” e del senso estetico nell’esecuzione del gesto tecnico? Si può iniziare cercando di capire come ci si avvicina ad uno sport come questo, considerato in Italia uno “sport minore” nonostante l’enorme quantitativo di vittorie internazionali nella storia recente. Uno sport che prende elementi da un’arte, la danza, mettendoli a confronto con diverse abilità nell’utilizzo di attrezzi quali clavette, palla, cerchio e nastro in un tripudio di body colorati e cura personale rivolta al minimo dettaglio, dal make up fino alla nail art.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

La ginnastica ritmica è uno sport che può insegnare molto, è uno sport di valori e di emozioni, sensibilità e riscatto, romanticismo e passione. Cerchiamo di diffonderlo capendo meglio di cosa si tratta in quest’intervista alle “Farfalle”:

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

Congratulazioni per la vostra vittoria! Si vede subito che dietro ad una performance simile ci sono anni di allenamento: come ci si avvicina alla Ginnastica Ritmica e qual è l’età migliore per farlo?

La ginnastica ritmica è uno sport che si inizia quando si è molto piccoli. L’età giusta per iniziare è intorno ai cinque anni, si può iniziare a gareggiare dagli otto anni. Si inizia con la ginnastica nelle varie società sportive, quindi ognuno inizia nella sua città – a casa – e ci si allena in maniera comunque molto più intensa rispetto ad altri sport: anche le bambine piccole si allenano per quattro ore al giorno – carico che varia da società a società – e poi mano a mano che il livello cresce cambiano vita, si allontanano da casa, e i ritmi di lavoro si fanno più intensi. 

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

Quando si sale di livello e si entra a far parte della Nazionale, quanto si lavora per competere con le migliori?

Noi ci alleniamo tutti i giorni, quasi nove ore, le ragazze che vanno ancora a scuola fanno scuola privata la sera, chi fa l’università non riesce a frequentare quindi deve fare tutto da autodidatta, dando gli esami a parte senza frequentare le lezioni. Noi lavoriamo per nove mesi in un Centro Permanente Federale a Desio, mentre nei mesi estivi ci trasferiamo a Follonica. Veniamo tutte da parti diverse d’Italia ma viviamo insieme praticamente undici mesi l’anno per allenarci.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

Far parte della Nazionale significa anche arruolarsi in una delle Forze Armate?

Per ora in questo nuovo gruppo siamo soltanto in due a far parte dell’Aeronautica Militare perché abbiamo fatto l’Olimpiade di Londra e siamo entrati nell’arma. Penso che presto entreranno anche le nostre colleghe.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

Dopo questa trionfale tappa nel vostro Paese, quali sono i prossimi appuntamenti importanti con la Ginnastica Ritmica dove potremo vedervi gareggiare nuovamente?

Dopo questa Coppa del Mondo tra un paio di settimane ci sarà un’altra World Cup a Minsk in Bielorussia, mentre la gara più importante di quest’anno sono i mondiali di Kiev che saranno a fine agosto in Ucraina. Diciamo che da qui fino all’Olimpiade di Rio del 2016 ogni anno ci sarà un campionato del mondo che servirà come qualificazione per le Olimpiadi.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

Come valutate la vostra prova di questi giorni, a che punto siete con la preparazione per il Mondiale?

Lavoreremo ancora molto per i mondiali di Kiev. Anche se oggi c’è stato qualche piccolo errore e imprecisione, in questi mesi di duro lavoro – mattina e pomeriggio tutti i giorni – riusciremo a migliorare fino ad arrivare alla “perfezione”. Per fine agosto ce la faremo a raggiungere il massimo. Nonostante questa gara fosse “in casa” era anche la nostra prima uscita ufficiale insieme, quindi sentivamo la responsabilità sulle nostre spalle. C’era tanta adrenalina e il pubblico è riuscito come sempre a darci la giusta carica per affrontare la pedana: questo ci aiuta veramente tanto e speriamo che anche al di fuori dell’Italia ci sia sempre tanta carica da parte del pubblico che ci possa spronare a dare il meglio. Sicuramente ci sono anche persone che ci vogliono male, però quelle che ci vogliono bene sono tante per fortuna. Tutto questo ci dà ancora più carica.

Rhythmic Gymnastics on Reykjavik Boulevard - The Italian National Team © [n]ccl sclf photography // All rights reserved

Nonostante i vostri successi la Ginnastica Ritmica in Italia è ancora considerata “sport minore”: situazione paradossale che riguarda anche la Ginnastica Artistica o la Scherma. Come si ripercuote su di voi questa situazione?

Quest’anno il CONI ha tagliato il 25% dei fondi alle Federazioni, così la Federazione ha tagliato di conseguenza il 25% alle varie sezioni. La Ginnastica Ritmica italiana nonostante sia 3 volte Campione del Mondo, abbia conquistato oltre 100 medaglie a livello mondiale ed europeo, un bronzo olimpico a Londra 2012… Non può fare più di due gare all’anno per mancanza di fondi. E’ pochissimo e le nostre rivali delle altre nazioni vanno in giro tutto l’anno a gareggiare. Noi ne possiamo fare solo due e questo è un peccato: ci sono già state tre coppe del mondo da inizio anno alle quali non abbiamo partecipato. 

Stiamo andando in giro a fare soltanto esibizioni mentre essendo una squadra nuova abbiamo bisogno di esperienze. Purtroppo non possiamo fare le gare e questo non ci aiuta. Il gruppo è comunque veramente unito e siamo sicure che ce la faremo.

Translator: Alessandra Battaglia // Thanks to Mario Bini