Il video della canzone “Non passerai” di MARCO MENGONI sta per raggiungere il milione di visualizzazioni.

Pubblicato da non molto su Vevo, questo piccolo cortometraggio girato a Parigi racconta dell’amore incondizionato di Marco per i suoi fan.

Un amore ampiamente ricambiato, considerando l’abbattimento della soglia dei 500.000 fan su Facebook e la quantità di dischi di Platino collezionati dal giovane talento laziale, sempre più dilagante anche a livello internazionale dopo l’ottima performance all’Eurovision Song Contest di Malmoe in Svezia (prima dell’evento, abbiamo intervistato di persona il cantante italiano a pochi minuti dal kick-off del Tour italiano che sta per concludersi con una data record a Milano per cui sono state già prenotate ben cinque repliche).

69

L’amica di Reykjavik Boulevard in Italia, Raffaella Marrazzo – oltre ad essere un’ottima fotografa – è riuscita a cristallizzare in un post appassionato tutto l’amore dei fan per Marco Mengoni (potete leggerlo in italiano ed in inglese in A fan’s tale). In questo caso, ci aiuta a scoprire alcuni particolari che non tutti possono sapere del nuovo video, curiosità e aneddoti che hanno interessato anche il sito DATE-hub con cui collaboriamo e dove potete trovare il resto dell’articolo. E adesso, mettendo in sottofondo la canzone e osservando di nuovo le immagini del video che vede come protagonista “Il collezionista d’amore”, scopriamo insieme alcuni significati e particolari di questo nuovo lavoro che arriva in un momento particolarmente felice per Marco e il suo “Esercito”:

La Regia

La realizzazione del videoclip è stata curata dal talentuoso regista veneto Gaetano Morbioli, che ha già collaborato con Mengoni in passato per i videoclip di “Credimi Ancora” (la canzone che portò Marco al successo) e “Stanco-Deeper Inside”, entrambe nel 2010, e per la recentissima “Pronto a Correre”, secondo singolo estratto dall’ultimo ed omonimo album di platino attualmente in top 5 dopo 25 settimane dall’uscita. Ma innumerevoli sono le collaborazioni che Morbioli ha collezionato negli anni, tutti o quasi tra i migliori e più influenti artisti italiani hanno avuto il piacere di affidare alla sua regia una loro canzone, riuscendo sempre a lasciare una traccia indelebile nel cuore di quelli che hanno ammirato i suoi lavori. Tra i tanti nomi che dal 2003 ad oggi affollano il suo lungo curriculum possiamo leggere Pausini, Cremonini, Ferro, Venditti, Noemi, Morandi, Cristicchi, Frankie HI-NRG MC, Fornaciari, Pooh, Giorgia, Modà, Ramazzotti, Stadio, Fibra, Antonacci, JAx, Nannini, Dolcenera, P.Daniele, Cammariere, Mannoia, e tantissimi altri. Ha inoltre firmato grafiche e comunicazioni di importanti trasmissioni come diversi Sanremo, Rock Politik e Rock Economy, i WindMusicAwards, il concerto “Amiche per l’Abruzzo” e altri.

mengoni

Lo Stile 

Nella clip continuano le collaborazioni “modaiole” che hanno caratterizzato il ritorno di Marco Mengoni da Sanremo in poi, ovvero l’esclusiva con Salvatore Ferragamo per gli abiti e Diadora per le calzature. Un legame che funziona, grazie anche all’abilità dello stesso Marco di saper miscelare stili e mood diversi. Così lasciati da parte i colori accesi e stravaganti che abbiamo più volte apprezzato negli ultimi tempi per calzare rassicuranti colori classici, per il video sceglie un completo leggero total black della famosa casa d’alta sartoria italiana, abbinato a delle sneakers giovani e sportive qualche tono più chiare, che sdrammatizzano e rendono il tutto molto… “Mengoni” (che ha sostenuto: “Seguo una sola moda, la mia: ed è piuttosto alternativa”).  Solo sul finale quando ormai “il Collezionista” torna ad essere semplicemente Marco, vediamo l’artista sorridente in T-shirt chiara, felpa sportiva e un paio di slim fit scuri.

969708_529321707103917_608159827_n 1017373_529325140436907_1904013717_n

Ovviamente lo “stile” di Marco e la sua collaborazione con i due famosi brand del “Made in Italy” non si conclude con gli abiti indossati sul palco o nel video: Mengoni si è infatti trasformato in modello durante la Fashion Week milanese, dove ha indossato alcuni abiti Salvatore Ferragamo presentati in anteprima mondiale che lo hanno fatto tutt’altro che sfigurare, ecco le immagini!

Le Polaroid

La Polaroid non è una scelta casuale, e rappresenta senza dubbio un ulteriore spunto romantico del video. Le pellicole della famosa azienda di istantanee, vennero messe fuori dal mercato nel 1998, nonostante i 300 milioni di apparecchi diffusi in tutto il mondo e perfettamente funzionanti. Un gruppo di ex-dipendenti del colosso decise di dare vita ad un progetto per tenere in vita il culto delle Polaroid, chiamato “The Impossible project”, un omaggio a tutti i fan di questo tipo di fotografia analogica, un modo per dire “Non passerai” che rappresenta un parallelo carino con la storia attuale del “Collezionista d’Amore” scelto da Marco come personaggio che rappresenta il suo legame con i Fan.

marco mengoni-non passerai-videoclip-anteprima-600x294-942100

Le Polaroid da quel giorno sono tutt’altro che passate di moda: sono tornate prepotentemente sul mercato e rappresentano oggi uno strumento importantissimo per tutti gli utilizzatori: questo tipo di foto infatti, è legato indissolubilmente al rapporto fisico con la pellicola, che esce dalla macchina non appena impressa la foto, “scossa” dal fotografo per favorire il processo chimico legato allo sviluppo. Questo “rapporto” tra il fotografo e la sua Polaroid è molto simile a quello che accade ogni volta che un fan scatta una foto ricordo con Marco, durante i concerti o nelle altre occasioni pubbliche (celebre la sua nottata passata a parlare con pochi fortunatissimi fan su un gradino della città di Lecce): legare infatti una fotografia ad un gesto, ad un momento particolare, permette di non dimenticare mai quell’istante, ricordando perfino quello che si aveva intorno, le persone, i suoni, gli odori… Facendo arrivare quello scatto (e quindi quel momento) nel profondo del nostro cuore. Guardando il video e ripensando a questa storia ci vengono in mente le parole del poeta John Fowles, che nel suo “Il collezionista” (guarda caso…) scriveva:

A picture is like a window straight through to your inmost heart. 

Le Parole

I primi rumor circa un video con la presenza di Marco che imbraccia un cuore avevano fatto pensare, come possibile nuovo singolo, al brano “Un’altra botta” dove il testo recita una frase molto chiara: “Esci dal mio cuore con un click”. La presenza della macchina fotografica poteva depistare ulteriormente, ma in questo caso lo strumento viene utilizzato per “trattenere” un’immagine, un momento, piuttosto che per liberarsene. Ecco infatti il testo di “Non passerai”

A questo incrocio
dimmi dove si va
con un passo in più.
Tu che forse un po’
hai scelto di già
di non amarmi più.
E come quadri appesi
leve senza pesi
che non vivono.
Come quando c’era
una vita intera
due che si amano.

E salgo ancora in alto perché
è lì che c’eri tu.
Ma ora serve il coraggio per me
di guardare giù.
E non c’è niente che resiste
al mio cuore quando insiste
perché so che tu non passerai mai,
che non passerà
(non passerai)
non mi passerai
(non passerai).

Ok allora adesso confesso
non avevo che te.
Come faccio a vivere adesso
solo, senza te?
E senza i tuoi sorrisi
e tutti i giorni spesi
oggi che non c’è.
E che è una porta chiusa e
nessun’altra scusa da condividere.

E salgo ancora in alto perché
è lì che c’eri tu.
Ma ora serve il coraggio per me
di guardare giù.
E non c’è niente che resiste
al mio cuore quando insiste
perché so che tu non passerai mai,
che non passerà
(non passerai)
non mi passerai
(non passerai).

E quanto amore mancherà
e troppo rumore in un giorno
che non va.
E non posso comprendere
che non passerà.

E salgo ancora in alto perché
è lì che c’eri tu.
Ma ora serve il coraggio per me
di guardare giù.
E non c’è niente che resiste
al mio cuore quando insiste
perché so che tu non passerai mai,
che non passerà
(non passerai)
non mi passerai
(non passerai)

L’estero

Malmoe ed Amsterdam per gli Eurovision Song Contest Awards, Londra, la Svizzera e adesso Parigi, dove durante l’estate Marco non ha soltanto girato il video di “Non passerai” ma è stato anche il protagonista di un evento indimenticabile targato RDS e Disney: l’inarrestabile corsa del cantante #ProntoACorrere è infatti culminata il 12 Luglio in una performance esclusiva per i clienti del parco di divertimenti più famoso d’Europa, Disneyworld Paris.

Pensate che la “corsa all’estero” del talento di Ronciglione finisca qui? Sbagliato! E’ recentissima infatti la news che Marco Mengoni rappresenterà l’Italia (insieme al grande Franco Battiato ed alla giovanissima Erica Mou, tra gli altri) alla Hit Weekil più importante festival di musica italiana al mondo – che farà il giro di Stati Uniti e Canada dal 7 Settembre al 30 Ottobre. Marco avrà l’onore di cantare per ben due showcase esclusivi organizzati nell’ambito della Billboard Music Conference di Los Angeles, il 28 e 29 Ottobre.

Siete “Pronti a correre” anche voi al suo fianco? Noi di Reykjavik Boulevard faremo il possibile per seguire l’evento che potrete seguire sulle nostre pagine Facebook e Twitter con tutti gli aggiornamenti e contenuti esclusivi come le foto di cui ci ha omaggiato Raffaele Piano, da uno degli ultimi live di questo trionfale tour di Marco in Italia:

_MG_2148 _MG_1997 _MG_1870 _MG_1827

Scopri Marco Mengoni in un editoriale esclusivo nel nostro Magazine!

Reykjavik BoulevardIssue #01

Reykjavik Boulevard Magazine