Do you remember italian band Linea 77’s Fantasma? Or Ketchup Suicide? Or even Meat?

Well leave them in a corner, but don’t forget them. Keep singing along to their songs in the same way, but bear this in mind because they’ve been some changes in the band lately.

Now the rock band from Turin has got six elements; two new entries and a change of plan: Tozzo always at the drums, Chinaski still at guitars, Nitto at vocals, Dade has moved from playing bass to be a second vocals, Maggio is the new bassist and Paolo is the second guitarist.

60

Linea 77 are one of those bands that you’ll never get tired of seeing live. One of those bands you are going to check if they’re going to play in your city. Even ten years later your first gig. One of those bands that musically and humanly make you feel home.

“La speranza è una trappola” EP has been released in January. This marvelous title has been inspired by a Mario Monicelli’s speech during an italian program of political discussion called “Servizio Pubblico” last year and also it has motivated the guys during the writing of the lyrics.

Lots of changes, a new EP and a tour. The only thing to do is talk to one of them and learn something more about the band.

[Italian Version follows]

Hello Nitto. I’d like to start from the new EP “La Speranza è una trappola” which title is inspired by Mario Monicelli’s speech. Would you to tell us the real reasons why you decided to choose this title and what does it represent for you?

The title takes its cue from that famous interview with Mario Monicelli made ​​for Public Service or Anno Zero (TV program of political discussion [tn]). Basically his words emphasized the principle of not relying on hope that something would happen and change things like a deus ex machina (typical of the Catholic Christian vision) but, with extreme indignation and anger, he urged to do something to change the status quo. These words were exactly in line with the political period that we are experiencing as a country – or rather, as world – and above all that we had to do as a band, that’s to say make decisions.

In Italy, you are now a successful and well-known band since years, but for those who do not know you, how would you describe the Linea 77?

I can never describe the Linea, just because we have touched more or less all kinds of music in our history except for black metal and neo-melodic. Trying to do it in broad terms I would place them in the field of crossover, the classic one, where different genres are mixed. Energy, adrenaline, anger, fear, reaction, rash.

In October Emiliano left the band after years and years in the group, but beyond that, I believe that the way to write the new EP has changed compared to before, how was your writing process?

It was natural that with the absence of one of the two pens in writing the changes would be more pronounced. But this differentiation in the texts was already taking place in a more defined way in “10”, our last record where the pieces were already written by me, by Emi, and Dade. In this EP we got to work together – Dade and me – in an almost symbiotic way, with the help of all others, for ideas and suggestions to be explored. Compared to the past we wanted to be more direct and less cryptic, using a register which is that of every day without sophistications or semantic constructions that would distract the listener from the stark message.

There is a song on the record called “La musica è finita”. The video and the text of the piece are a bit satirical critique on the music of today. Do you really think today’s music has truly no more ideas?

The piece in question was a foretaste of what was to come a little later with the online release of various parts of the EP. We knew very well that there would be critics as usual for each new job, we’re pretty used to it. The “keyboard lions” – so nicknamed, ie those people who are looking for the 5 minutes of fame criticizing in such harsh and destructive way any novelty – are more and more. With the advent of social networks, each ego has undergone a revival and seeks its own space in all ways. I think of this song as a song written by a hater to haters. Of course we do not think that music is over, perhaps it would be better to say that the work of the musician is finished in a country like ours. Less and less locals, less and less summer festivals, less and less money to spend to go see a concert, less promoters.

I read that the next August 7th you’ll play to the Sziget festival in Budapest. The lineup that is coming out looks wonderful and there are other Italian groups, such as Afterhours and LNRipley. What are the Line 77’s expectations for the festival? Is there already a group you are interested in seeing play?

Basically it’s always still a festival like so many others made ​​in the past, so the only real expectation is that of wanting to have fun and play with the energy that we always put in every concert. I’m intrigued by live bands like Biffy Clyro, and Enter Shikari who occupied a significant part of my listening in recent years, and then finally I would like to enjoy a concert of Blur, that I never got to see.

In the album there’s also this beautiful and exaggerate collaboration with LNRipley, band from Turin like you, but musically very different from you, but despite this, the result is excellent. How did this piece?

“La Caduta”, this is the title of the song, was born in the studio working all together both we and LNRipley. We had written a guideline song that we already felt it would be very well adapted to the style of LR. So, one day, we joined all together in the studio and started to jot down ideas. After a couple of hours we already had a structure to work with words and the rest. It was a great experience, just because people like Yoda, Ale Bavo, have been very close to Linea 77 in this time of change. Without considering the fact that we know each other for thousands of years, however, with all the LR, then work together has been an absolute pleasure.

Speaking of Turin, the relationship with the city is always important for a band. What was in the beginning Turin for you  and what now? and is there another city that has meant for you and your band a lot in your music career?

Turin is a double-sided city. It can kill you day by day and at the same time can give you charge and inspiration to be reborn. I am very bounded to it and, basically, I have not already found a city in Italy that has been so important in my life, and I also believe in the life of the group. Once Turin was the arrival point just because we were all from the suburbs of the city, and this desire to enter the city and wipe out everything coming from outside was a source of pride for all of us. Today I look at this city with different eyes from those of a teenager who came from the suburbs. I am looking for ideas and experiences, in short, I try to draw inspiration from all the energy that this city is able to have, night after night, day after day. The only other city that has given me this mixture of positive/negative energy was Los Angeles. A city where a lot of people live but, at the same time, it is full of absolutely interesting contradictions and full of energy.

The city where you live is indeed a source of inspiration, but what are the bands you grew up with and that even now make you love what you do?

If we refer to Turin, bands such as Negazione, COV, Bellicosi, Fluxus and also Marlene Kuntz have meant so much to Linea 77, for us they have all been examples of writing lyrics and music. Since kids, we have always been inspired by bands from overseas as Ratm, Helmet, and a billion other. The thing that all these bands have in common is basically the absolute honesty in making music. Honesty in the way of approach to their music, without the “music-science” research which is now on the agenda in the structure of the singles  broadcasted on the radio.

The new dates of the Italian tour have been set and it will restart the second round in Florence on April 20th and will end with on June 15th. How did it go so far? How has the public accepted this great change in the band?

Until now, the public has reacted very well to the various changes that the group has undergone. Participation is total from the first note of the very first piece. The majority of the public has understood and digested the change in seeing a new energy – as if to say “rediscovered” – in all that we propose.

One thing that I think strikes immediately is the image of the cover of your EP: a male figure in a suit and tie, but without face with a helmet. Would you explain the meaning of this image?

I want to say that the cover was designed by a friend of ours and illustrator of Marvel: Francesco “Matt” Mattina, who exactly understood the period that we were and we are living as a band and as a company. The fact of having a person in a suit and tie (who could represent the world of finance) and a helmet (which is typical of someone who is at war) encloses the mix that exists between these two worlds, which depend on each other more and more firmly. The lack of a face immediately recognizable encloses the very concept of impunity that the union of these two worlds has nowadays. Then the surreal and visionary inspiration to the world of Magritte is clear, definite and deliberate.

A classic: Plans for the future?

Playing. Always.

Linea6


 

Ciao Nitto. Direi di partire direttamente dal nuovo EP “La Speranza è una Trappola”, titolo preso d’ispirazione dal discorso di Mario Monicelli. Vuoi dirci le vere motivazioni per cui avete deciso di scegliere questo titolo e cosa rappresenta per voi?

Il titolo prende proprio spunto da quella famosa intervista di Mario Monicelli fatta per Servizio Pubblico o Anno Zero, poco cambia. Fondamentalmente le sue parole sottolineavano il principio di non affidarsi alla speranza che qualcosa succeda e cambi le cose come un deus ex machina, tipico della visione cristiano cattolica, ma con estrema indignazione e rabbia esortava a fare qualcosa per cambiare lo status quo. Queste parole calzavano esattamente con il periodo politico che stiamo vivendo come paese, o meglio, come mondo e quello soprattutto che anche noi come band dovevamo fare, ovvero prendere delle decisioni.

In Italia siete ormai una band affermata da anni e conosciuta da tutti; ma per chi non vi conosce, come descriveresti i Linea 77?

Non riuscirò mai a descrivere i Linea, proprio perché abbiamo toccato piu o meno tutti i generi musicali nella nostra storia tranne il black metal e il neo melodico. Provandoci a grandi linee li porrei nel campo del crossover, quello classico, dove generi diversi si mischiano. Energia, adrenalina, rabbia, paura, reazione, sfogo.

Ad ottobre Emiliano ha lasciato la band dopo anni e anni nella formazione, ma al di la di questo, credo che il modo di scrivere il nuovo EP sia cambiato rispetto a prima, com’è andato il processo di scrittura?

Era naturale che mancando una delle due penne nella scrittura i cambiamenti sarebbero stati più marcati. Ma questa differenziazione nei testi già stava avvenendo in maniera più definita in 10, il nostro ultimo disco dove già i pezzi erano stati scritti da me, da Emi, e da Dade. In questo EP ci siamo messi a lavorare insieme io e Dade in modo quasi simbiotico, con l’aiuto di tutti gli altri, per idee e spunti da approfondire. Rispetto al passato volevamo essere più diretti e meno criptici, utilizzando un registro che è quello di tutti i giorni senza aulicismi o costruzioni semantiche che avrebbero distolto l’ascoltatore dal messaggio nudo e crudo.

C’è una canzone nel disco che si chiama “La musica è finita”. Il video del pezzo e il testo è una critica quasi satirica sulla musica d’oggi. Pensate veramente che la musica d’oggi sia veramente più senza idee?

Il pezzo in questione è stato un anticipazione di quello che sarebbe avvenuto da li a poco con l’uscita on line dei vari pezzi dell’EP. Sapevamo benissimo che ci sarebbero state critiche come sempre del resto per ogni lavoro nuovo, ci siamo abbastanza abituati. I “Leoni da tastiera”, così soprannominati, ovvero quei personaggi che cercano i 5 minuti di notorietà criticando in modo aspro e distruttivo qualsiasi novità, sono sempre di più. Con l’avvento dei social networks, ogni ego ha subito un rilancio e cerca il proprio spazio in tutti i modi. Mi piace definire questa canzone come una canzone scritta “da un hater per gli haters”. Naturalmente non pensiamo che la musica sia finita, forse sarebbe meglio dire che il LAVORO del musicista è finito in un paese come il nostro. Sempre meno locali, sempre meno festival estivi, sempre meno soldi da spendere per andare a vedere un concerto, sempre meno promoter.

Ho letto che il prossimo 7 agosto suonerete allo Sziget festival, a Budapest. La line up che sta uscendo sembra meravigliosa e ci sono altri gruppi italiani, come gli Afterhours e gli LNRipley. Quali sono le aspettative dei Linea 77 per il festival? C’è già un gruppo che siete curiosi di vedere suonare?

Fondamentalmente rimane sempre e comunque un festival come tanti altri fatti in passato, quindi l’unica aspettativa reale è quella di volersi divertire e suonare con l’energia che mettiamo sempre in ogni concerto. Sono curioso di vedere dal vivo gruppi come Biffy Clyro, e Enter Shikari che hanno occupato molto spazio nei miei ascolti negli ultimi anni, e poi finalmente vorrei godermi un concerto dei Blur, che non sono mai riuscito a vedere.

Nell’album c’è anche questa bellissima e carichissima collaborazione con gli LNRipley, band Torinese come voi, musicalmente molto diversi da voi, ma nonostante questo il risultato è ottimo. Com’è nata questo pezzo?

“La caduta”, questo è il titolo della canzone in questione, è nata in studio lavorando tutti insieme sia noi che gli LNRipley. Avevamo scritto un pezzo come linea che già sentivamo che si sarebbe adattato benissimo allo stile degli LNR. Quindi ci siamo messi tutti insieme un giorno in studio e abbiamo iniziato a buttare giù idee. Dopo un paio d’ore avevamo già una struttura su cui lavorare con le parole e il resto. È stata una bellissima esperienza, proprio perchè persone come Yoda, Ale Bavo, ci son state molto vicine in questo periodo di cambiamento dei Linea. Senza considerare il fatto che comunque ci conosciamo da millenni con tutti gli LNR, quindi collaborarci è stato un assoluto piacere.

Parlando sempre di Torino, il rapporto con la città è sempre fondamentale per una band. Cos’era per voi Torino agli inizi e cos’è per voi Torino adesso? E c’è un’altra città che sia per te che per la band ha significato molto per la vostra carriera musicale?

Torino è una città a doppia faccia. Riesce a ucciderti giorno dopo giorno e allo stesso tempo riesce a darti la carica e l’ispirazione per rinascere. Ci sono molto legato e fondamentalmente non ho ancora trovato una città in tutta Italia che sia stata cosi importante nella mia vita, e credo anche nella vita del gruppo. Un tempo Torino era il punto di arrivo proprio perchè noi eravamo tutti della periferia della città, e questo voler entrare in città e spazzare via tutto arrivando da fuori era un motivo d’orgoglio per tutti noi. Oggi guardo questa città con occhi diversi da quelli di un quindicenne che arrivava dalla periferia. Cerco gli spunti, le esperienze, insomma cerco di trarre ispirazione da tutta l’energia che questa città riesce ad avere, notte dopo notte, giorno dopo giorno. L’unica altra città che mi ha dato questa commistione di energie positive/negative è stata Los Angeles. Una città dove convivono un sacco di contraddizioni ma piena di persone assolutamente interessanti e piene di energia.

La città in cui si vive è appunto fonte di ispirazione, ma quali sono le band con cui siete cresciuti e che ancora adesso vi fanno amare ciò che fate?

Se parliamo di Torino, band come Negazione, COV, Bellicosi, Fluxus e ci metterei anche Marlene Kuntz hanno significato tantissimo per i Linea, son state tutte un esempio di scrittura dei testi, e della musica per noi. Poi fin da ragazzini ci siamo sempre ispirati a band d’oltreoceano come RATM, Helmet, e un miliardo di altre. La cosa che tutte queste band hanno in comune fondamentalmente è l’assoluta onestà nel fare musica. Onestà nel senso, di approccio alla propria musica, senza la ricerca matematico musicale che ormai è all’ordine del giorno nella costruzione dei singoli da far girare in radio.

Sono uscite le nuove date nuove del tour italiano che riprenderà il secondo round a Firenze il 20 aprile e finirà il 15 giugno. Com’è andata fin’ora? Il pubblico come ha accolto questo grande cambiamento della band?

Il pubblico fino ad ora ha reagito benissimo ai vari cambiamenti di formazione che il gruppo ha avuto. La partecipazione è totale fin dalla prima nota del primissimo pezzo. La maggior parte del pubblico ha capito e digerito il cambiamento vedendo in tutto quello che proponiamo un’energia nuova quasi a dire “ritrovata”.

Una cosa che credo colpisca subito è l’immagine della copertina del vostro EP; una figura maschile in giacca e cravatta, senza viso ma con un elmetto. Vuoi spiegarci il significato di questa immagine?

Ci tengo a dire che la copertina è stata disegnata da un nostro amico nonché illustratore della Marvel: Francesco ”Matt” Mattina, che ha capito esattamente il periodo che sia come band sia come società stavamo e stiamo vivendo. Il fatto di avere una persona in giacca e cravatta che potrebbe rappresentare il mondo della finanza e un elmetto, tipico di chi è in guerra racchiude la commistione che c’è fra questi due mondi, che dipendono sempre più saldamente l’uno dall’altro. Il non avere un volto e quindi una riconoscibilità immediata racchiude proprio il concetto di impunità che l’unione di questi due mondi ha al giorno d’oggi. Poi l’ispirazione al mondo surreale e visionario di Magritte è chiara, decisa e voluta.

Un classico: progetti per il futuro?

Suonare sempre e comunque.

By: Benedetta Borioni // Translator: Alessandra Battaglia