Il 26 Marzo 2015 sarà un giorno storico per l’Islanda, si celebra infatti all’Università di Reykjavik Háskóli Íslands il #FreeTheNipple day. Nonostante le previsioni meteorologiche anticipino una giornata fredda (2°C / -1°C • Nevicate), ci sono già quasi 800 iscritti all’evento pubblicato su Facebook. E proprio Facebook e Instagram sono tra i maggiori accusati di operare una censura troppo oppressiva. Ma torniamo al #FreeTheNipple day: di cosa si tratta?

La manifestazione (letteralmente: Giornata del Capezzolo Libero) è ispirata al FREE THE NIPPLE MOVEMENT, preso come esempio dall’associazione Femínistafélag Háskóla Íslands. Alla base dell’evento ci sono dei concetti tanto semplici quanto controversi: uomini e donne sono uguali, entrambi hanno seno e capezzoli ed entrambi dovrebbero essere liberi di mostrarli. O tutti o nessuno, quindi. Lo slogan ad effetto è: “Be as you wish, be free.”

La campagna online del movimento ufficiale Americano è diventata virale in pochissimo tempo, grazie anche al supporto di influencer del mondo della moda, del cinema e della musica come Cara Delevingne, Liv Tyler e Miley Cyrus.

L’origine di tutto? Il film omonimo (diretto da Lina Esco, trentenne modella e attrice con apparizioni in serie televisive quali CSI: New York e Cane), girato in soli 15 giorni e con pochissime risorse, divenuto un piccolo caso in America.

Si parte da questa domanda: “Perché la violenza è più tollerata di un capezzolo?”. Il riferimento è ovvio: in America è legale circolare armati, illegale mostrare un capezzolo (almeno in 37 Stati, in molti dei quali si può finire in carcere per tre giorni, oltre a dover pagare una multa salatissima). Certo, solo se sei una donna. Ed è su questo che fanno leva le attiviste di #FreeTheNipple, sdoganando – o tentando di sdoganare – il capezzolo libero dalle passerelle delle Fashion Week o dai concerti rock di mezzo mondo, puntando ad una eguaglianza tra sessi che, a loro modo di vedere, deve partire anche da questo.

Lina ha dichiarato: “I love waking people up, getting them off their paradigm. Robopathology has taken over this world, Humans act like robots.”

#FreeTheNipple

Lina Esco • #FreeTheNipple

Ecco il trailer ufficiale di #FreeTheNipple:

https://vimeo.com/77093543

 

Synopsis: Appalled by America’s glorification of violence and repression of female nudity, disruptive activists LIV and WITH begin a grass roots campaign to “Free the Nipple” and make toplessness legal across the country, and raise awareness of gender inequalities in the US. Their revolution opens a national conversation about the extraordinary amount of violence being blasted at the youth of America.

E voi, come la pensate? “Le migliori cose nella vita sono libere”, o a seguire l’esempio di celebrities come Rihanna e le altre si rischia di confondere quello che è un giusto tentativo di emancipazione da quello che potrebbe essere solo una moda temporanea? I giovani Islandesi sembrano non avere dubbi, vedremo dalle immagini se saranno pronti ad andare fino in fondo o se l’evento sarà una pura e semplice occasione di festa per “riscaldare” l’ambiente!


UPDATE 26 Marzo ore 15:00, Twitter rende virale la giornata Islandese #FreeTheNipple

Nonostante la continua censura da parte di Facebook (che ha rimosso gran parte dei contenuti del giorno con l’hashtag #FreeTheNipple), Twitter ha lasciato alle Islandesi la facoltà di scegliere di mostrare il proprio corpo per la giornata di oggi.

Artisti come Hugleikur Daggsson, super-modelle come Kolfinna Kristófersdóttir e soprattutto tantissime studentesse dell’Università di Reykjavik (nonché un membro del Parlamento) hanno dato il loro contributo, postando una foto o un disegno, facendo dichiarazioni pubbliche o sfidando il freddo della capitale Islandese con stivali da neve e seni scoperti. Un successo rimbalzato su network Inglesi, Francesi e Americani – anche se non esente da polemiche – che molto probabilmente vedrà un seguito proprio in uno di questi Paesi. Senza dubbio le ragazze in Islanda hanno dimostrato una volontà di ferro, come dimostrano le seguenti immagini:

#FreeTheNipple Iceland

#FreeTheNipple Iceland

Kolfinna Kristófersdóttir

Kolfinna Kristófersdóttir

#FreeTheNipple on i-D Magazine

#FreeTheNipple on i-D Magazine

Hugleikur Dagsson © All rights Reserved

Hugleikur Dagsson © All rights Reserved