Il cantautore Torinese (Alberto) BIANCO è finalmente in tour!

Il suo ultimo album Guardare per Aria ci ha conquistati al primo ascolto e sapendo della sua tappa Toscana – Capanno BlackOut, Prato – abbiamo deciso di andare a prenderci la prima fila e goderci lo spettacolo.

A sorpresa, sul palco insieme a lui, si è presentata anche Ilaria Rastrelli, finalista di X-Factor 8, ad oggi uno dei talent show di maggior successo in Italia, per un duetto sulle note di “Le stelle di giorno”, un brano dolcissimo di cui vi presentiamo un piccolo estratto sulla nostra FanPage!


Clicca qui per vedere il video di Bianco e Ilaria Rastrelli!


Bianco ft. Ilaria Rastrelli

 


Scopri tutto quello che c’è da sapere su BIANCO e sul suo album Guardare per Aria nell’intervista esclusiva su Reykjavik Boulevard!


Il concerto, poco più di un’ora in tutto, ha visto BIANCO e la sua band spaziare dai nuovi brani contenuti nell’album Guardare per Aria, fino a qualcosa pescato dai suoi precedenti lavori “Storia del Futuro” e “Nostalgina”.

Alberto si presenta sul palco dopo la mezzanotte, e il pubblico è impaziente di ascoltare i suoi testi brillanti messi in musica dal vivo: imbracciando la sua chitarra come uno scudo magico in grado di ammaliare chiunque lo fronteggi, Bianco invita i più timidi a fare qualche passo avanti fino al fronte del palco dove noi siamo già schierati con gli spazi tra le dita delle mani riempiti da una stretta vibrante ed emozionata.

Dopo alcuni brani – che per noi sono già successi che non riescono a sfuggire al quotidiano loop in cuffia – viene introdotta Ilaria Rastrelli, sicuramente conosciuta da gran parte dei presenti come pare evidente dalla bella accoglienza che le viene riservata, e si diffondono nell’aria le note calde di “Le Stelle di Giorno”, una delicata poesia che viene spesso (e volentieri) eseguita in duetto come accaduto di recente a Roma: in quel caso la voce femminile era dell’attrice e cantante Margherita Vicario:

 


Le date del TOUR di Bianco: non perdetevelo!

Bianco • Guardare per Aria • Tour


 

Torniamo a casa col cuore un po’ più pieno e lo sguardo fisso in aria, confessandoci reciprocamente che avremmo voluto che il concerto durasse di più e che forse una dimensione unplugged avrebbe fatto risaltare al massimo le parole contenute nei suoi brani, rendendo la performance ancor più d’impatto. In attesa di un nuovo live, non ci resta che schiacciare nuovamente il tasto Play: fatelo anche voi.